aiutoL'Enpab, è ben noto, prioritariamente e istituzionalmente deve garantire che a tutti gli iscritti siano assicurate le prestazioni pensionistiche. Le regole normative che disciplinano la materia previdenziale sono molto rigide ed il legislatore in questi anni non ha mai manifestato l'intenzione di allentare i paletti che la "imbrigliano". Al contrario ha sempre più ristretto l'ambito di autonomia e di intervento degli Enti di previdenza. La miopia del legislatore ha fatto si che non siano state mai valutate concretamente le singole realtà previdenziali. Facendo di tutta un'erba un fascio non è stata operata una distinzione tra gestioni virtuose e gestioni meno o poco virtuose. Che il nostro Ente sia ascrivile tra le gestioni virtuose lo dicono i numeri e i documenti.

Grazie ad una gestione virtuosa e blindata abbiamo, infatti, potuto adottare provvedimenti rivolti a migliorare le prestazioni previdenziali, anche in deroga alle limitazioni normative o in contrasto con le interpretazioni che i Ministeri vigilanti hanno sempre ritenuto di dover dare alle stesse. Con enorme piacere abbiamo appreso la sentenza del Consiglio di Stato che, poco meno di un mese fa, ha confermato la legittimità di un'azione che l'Enpab aveva adottato molto tempo prima e che è rivolta a riconoscere ai montanti di tutti noi iscritti un rendimento maggiore rispetto a quello indicato dalla legge istitutiva.

Non voglio divulgarmi ulteriormente, ma la premessa era importante per comprendere che l'Ente ha delle risorse disponibili che in questi anni è riuscita a guadagnare e risparmiare dalla gestione e che vuole indirizzare per finalità concrete a vantaggio di tutti gli iscritti.

In questi termini, essendo ricomprese sempre tra le finalità istituzionali dell'Enpab la realizzazione di azioni volte all'Assistenza, e nonostante i molteplici ambiti di intervento che abbiamo messo in campo, vi chiedo di indicarci eventuali altre iniziative assistenziali che ritenete possano essere realizzate.

Se pensate che possano essere strutturati nuovi progetti di assistenza, che siano di aiuto a noi stessi, giovani ed anziani, vi invito a proporli. Se ammissibili, ne discuteremo insieme, valuteremo e condivideremo i contenuti, così da articolare la necessaria procedura regolamentare.

Nel ringraziarvi per l'interessamento che sono certo manifesterete, vi saluto cordialmente e vi auguro buon lavoro.
 
Sergio Nunziante

conf PolettiIl Ministro del lavoro raccomanda alle Casse di previdenza di sostenere il reddito dei propri iscritti anche erogando formazione continua per favorire la crescita professionale. Concordiamo con Lei, Signor Ministro, ma Enpab eroga formazione continua gratuita ai propri iscritti già da anni.

Questa settimana il Ministro Poletti, in una intervista on line, discutendo su quali siano gli obiettivi cui devono concorrere le Casse di previdenza dei liberi professionisti, parla di WELFARE ed esorta gli Enti a sostenere il reddito dei propri iscritti, nonchè a favorire la crescita professionale durante la vita lavorativa promuovendo una formazione continua.

E' per noi un motivo di orgoglio aver anticipato il legislatore, che ha preso coscienza della importanza dell'impegno degli Enti di previdenza verso il "WELFARE allargato" molti anni dopo le iniziative messe in campo dall'Enpab, ed allo stesso modo inorgoglisce la condivisione che oggi il Ministro Poletti, indirettamente ma sostanzialmente, fa alla politica di gestione del nostro Ente.

L'obiettivo prospettato dal Ministro, infatti, coincide esattamente con quanto i Consiglieri dell'Ente, ognuno per le proprie competenze e le diverse funzioni istituzionali, hanno già da molti anni ostinatamente perseguito. La previdenza non rappresenta un qualcosa di diverso, separato ed autonomo dalla professione. La crescita professionale per un reddito adeguato è una condizione imprescindibile se si vuole tendere sempre più verso una previdenza allo stesso modo adeguata.

Per questo motivo, quando finalmente nell'agosto del 2013 il legislatore per la prima volta ha compreso che l'impegno degli Enti di previdenza doveva essere rivolto anche al WELFARE ed ha legittimato le iniziative volte alla professione e al lavoro professionale, azioni che il nostro Ente già da tempo aveva posto in essere, noi abbiamo triplicato gli impegni, anche economici, con progetti sempre più concreti partendo dalla fotografia della nostra realtà professionale.

L'Enpab si è concentrato sui giovani; sulla creazione di una rete convenzionale volta a realizzare una corsia preferenziale per il Biologo partendo dall'esigenza del lavoro; sulla "promozione" della nostra professione e della sua importanza, spesso ignorata dal cittadino; sulla ricerca delle opportunità non conosciute ma che possono essere di sicuro vantaggio per il professionista e per la sua progettualità. Ha ampliato la gamma dei servizi assistenziali a sostegno degli iscritti.

E' per noi un incoraggiamento per il futuro sapere che ciò che già facciamo è esattamente ciò che il Governo auspica si faccia.

 dich2014Il prossimo giovedì 7 agosto è l'ultimo giorno utile per inviare all'Ente i dati relativi al reddito professionale e al volume d'affari prodotti nell'anno 2013.
Per comunicare i dati è sufficiente accedere all'Area riservata, sezione "Disposizioni / Dati reddito" del nostro sito www.enpab.it, all'interno della quale sono presenti i Modelli con i campi dispositivi editabili e le istruzioni per la compilazione. L'invio on line annulla qualsiasi aggravio di costi e di tempo.
In alternativa, comunque, ancora per questo anno ti è consentito utilizzare il Mod. 01.2014 nella forma cartacea e spedirlo compilato, tramite raccomandata, all'indirizzo indicato sullo stesso. A tal proposito, potrai utilizzare il Modello che ti è stato spedito presso la tua residenza o domicilio e, solo in caso di mancata ricezione, potrai stamparlo direttamente dal sito internet nell'area Modulistica.
Va da sè che una volta inviato il Mod. 01.2014 on line - per il tramite del sito www.enpab.it - non dovrai inviare lo stesso Modello in via cartacea, avendo correttamente adempiuto al tuo obbligo di comunicazione.
Adempiere all'invio del Modello 01.2014 entro il 07 agosto è un obbligo normativo ed il rispetto del termine evita l'increscioso addebito di sanzioni.

Un nuovo "assalto" giudiziario per tentare, ancora una volta, di sospendere le elezioni

nunziante smallCari Colleghi avrei voluto risparmiarvi questa nuova riflessione ma, è doveroso che tutti voi sappiate quali sono i continui attacchi che l'Ordine Nazionale dei Biologi sferra nei confronti dell'Ente di previdenza, senza un solo valido e giusto motivo ma per la soddisfazione dell'interesse personale di pochi che, a tutti i costi, vogliono raggiungere il loro obiettivo e non disdegnano di utilizzare qualsiasi strumentalizzazione di azione calpestando e demonizzando il sacrosanto principio della competizione elettorale democratica.

L'Ordine Nazionale dei Biologi, nonostante il Tar Lazio avesse già rigettato l'istanza cautelare proposta il 13 dicembre scorso mirata ad una sospensione delle elezioni, oggi - senza curarsi della decisione del Tribunale di Roma che ha sancito la piena validità e legittimità delle votazioni on line dell'Enpab - insiste, con un disperato accanimento, affinché il Tribunale amministrativo riconsideri la sua posizione.

Non commento oltre, metto a disposizione di tutti ciò che il nostro Ordine sta tentando di fare.


 

Schermata 2014-07-24 alle 13.56.37Enpab mette al servizio dei biologi la piattaforma digitale, un sistema in streaming per seguire eventi, fare riunioni tra più persone in diversi luoghi, trasmettere in diretta incontri ed esperienze formative. Il tutto con un click.

Per partecipare agli eventi di ENPAB basta connettersi alla piattaforma tramite computer, smartphone o tablet (in questo caso bisogna scaricare l’applet «livestream» sul proprio dispositivo). Una volta collegati alla piattaforma si può seguire l’evento in diretta o scegliere di vederlo in seguito on-demand.
 
Per interagire in diretta con domande al relatore è necessario loggarsi, registrarsi tramite il proprio profilo facebook.
 
Se non si possiede il profilo facebook, basta inserire la propria email. Nella vostra posta elettronica troverete un messaggio dove è necessario cliccare CONTINUA e seguire le istruzioni.
 

 

Sottocategorie

Enpab

  • Sede: Via di Porta Lavernale 12, 00153 Roma
  • Ufficio CONTRIBUTI E PRESTAZIONI e l'Ufficio ASSISTENZA sono ubicati in Viale della Piramide Cestia 1 - 00153 Roma

    La nostra sede è raggiungibile dalla stazione Termini con la Metro linea B direzione Laurentina fermata Piramide. Dal G.R.A. uscita n. 23 Appia e proseguire per la strada Appia antica direzione colle Aventino.

Seguici su

Contatti

Si informano gli iscritti che gli uffici dell'Ente forniranno informazioni telefoniche solo tramite prenotazione telefonica:

L'Ente è aperto dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Tel. 06 45 54 70 11
Fax 06 45 54 70 36

Torna su